Articolo  
13 Gennaio 2021


Covid-19 ed esigenze di rifondazione della giustizia penale


Luciano Eusebi

SOMMARIO: 1. La prevenzione, questa sconosciuta. – 2. Se il precetto comportamentale è reso adespota e sfuggente. – 3. La congiura del silenzio correlata (ma non soltanto) al modello del reato colposo. – 4. Eppure nulla di nuovo: punirne uno per educarne cento. – 5. Qualche istruzione dovrà pur trarsi dalla vicenda relativa all’abuso d’ufficio. – 6. La madre di tutte le formule magiche: prevenzione mediante retribuzione. – 7. La risposta al reato come progetto: malgrado tutto, un’idea che si fa strada. – 8. Sanzioni diverse, ma concepite in modo unitario. – 9. L’apoteosi del processo non è la condanna: si tratta di fare verità, per migliorare. – 10. Il reato è irrevocabile, ma la frattura aperta del reato non si sana sui piatti di una bilancia. – 11. Sulle modalità intese a determinare in concreto sanzioni penali non più ritorsive. – 12. È urgente superare, nel mondo, le dinamiche conflittuali: un ruolo culturale da raccogliere, e una campana che suona, anche per il penalista.

* Scritto destinato agli studi in onore di Lucio Monaco.